Neuroscienze: non è Alzheimer, è Late

 (Reuters Health) – L'encefalopatia TDP-43 correlata all’età prevalentemente limbica (Late), una demenza riconosciuta di recente, assomiglia clinicamente alla Malattia di Alzheimer ma è una patologia diversa.

 
"È sempre più chiaro che la Malattia di Alzheimer è solo un sottogruppo delle malattie che contribuiscono alla sindrome clinica della demenza – dice Peter T. Nelson dell'Università del Kentucky, a Lexington, autore principale dello studio – Late è probabilmente il sottotipo più potente del disturbo della Malalattia di Alzheimer”. 
 
L’accumulo della proteina TDP-43 contraddistingue spesso le strutture cerebrali limbiche di persone sopra gli 80 anni ed è stata collegata a un deterioramento cognitivo che imita la malattia di Alzheimer. 
 
Lo studio
Nel loro report, Nelson e colleghi hanno proposto Late come nuova terminologia, suggerito linee guida per la valutazione dell'autopsia e la stadiazione del cambiamento neuropatologico Late (Late-Nc) e hanno riesaminato la letteratura medica relativa alla condizione. 
 
Gli autori propongono tre fasi di Late-Nc basate sulla distribuzione anatomica della proteinopatia TDP-43 all'autopsia: fase 1, solo amigdala; stadio 2, anche ippocampo; fase 3, anche la circonvoluzione centrale media.
 
Le caratteristiche neuropatologiche di Late-Nc possono essere presenti in oltre il 50% delle persone oltre 80 anni. 
 
La mancanza di dati longitudinali sui biomarcatori e le limitazioni degli attuali modelli animali rendono difficile studiare i meccanismi della malattia e sono necessarie ulteriori indagini. 
 
Late può evolvere per incorporare più domini cognitivi e per compromettere le attività della vita quotidiana, e il deterioramento cognitivo è maggiore di quello che può essere spiegato dai cambiamenti neuropatologici della Malattia di Alzheimer (Adnc) o da altre patologie. 
 
Gli individui con Late-Nc relativamente puro sembrano sperimentare un declino clinico più graduale, rispetto a quelli con Adnc pura, mentre quelli con comorbilità Late-Nc e Adnc mostrano un declino più veloce e un deterioramento cognitivo più grave rispetto a quelli con Adnc o Late-Nc da soli. 
 
La proteinopatia TDP-43 è stata documentata in alcuni soggetti cognitivamente integri, ma questo probabilmente rappresenta una malattia preclinica in soggetti che muoiono prima dell'inizio dei sintomi clinici. 
 
"Ulteriori studi epidemiologici, clinici, di neuroimaging e genetici saranno importanti per caratterizzare meglio l'impatto sulla salute pubblica e i fenotipi clinici per Late – osservano i ricercatori – I modelli animali e la ricerca scientifica di base in Late sono indispensabili, con il caveat che il cervello umano anziano è difficile da modellare con precisione. Speriamo che questi sforzi di ricerca collettiva un giorno si tradurranno in strategie preventive e terapeutiche di successo". 
 
Fonte: Brain 2019 

Condividi su: Facebook | Twitter

›› Bacheca SUMAI Napoli

Pillola fiscale N. 15/2020

Data di pubblicazione: 28/05/2020 21:23

COMUNICATO

Data di pubblicazione: 23/05/2020 19:02

AVVISO

Data di pubblicazione: 22/05/2020 17:15

ELEZIONI ENPAM

Data di pubblicazione: 18/05/2020 20:49

›› News Mediche

Italian Health Policy Brief

Data di pubblicazione: 21/05/2020 17:02

ENPAM:Proclamati gli eletti all'Assemblea nazionale

Data di pubblicazione: 20/05/2020 11:16

Ambulatori,tutti i rischi della riapertura.

Data di pubblicazione: 07/05/2020 18:31

LA SANITA' SOTTO ESAME CON 21 VOTI OGNI GIORNO

Data di pubblicazione: 06/05/2020 08:38

›› Convegni e Congressi

›› Mondo Medicina

Covid-19 e diabete, le istruzioni degli esperti

Data di pubblicazione: 13/05/2020 16:34

Isolato nel Dna di una donna il gene anti Alzheimer

Data di pubblicazione: 10/11/2019 13:21

Morbo di Alzheimer: antipsicotici incrementano morbidità

Data di pubblicazione: 16/10/2019 18:19
Logo Fb