SCIOPERO ASL NAPOLI 1 CENTRO

 Cari Colleghi, 

è arrivato un giorno che, sinceramente, credevamo non sarebbe mai arrivato.
Eravamo certi che la nostra pazienza, la nostra disponibilità, la qualità del nostro lavoro, quella stessa “indispensabilità” di cui tanti si sono riempiti la bocca, alla fine avrebbero contato abbastanza da indurre la Direzione strategica dell’Asl Napoli1 centro a riconoscerci quello che ci spetta, secondo il dettato del nostro Accordo nazionale.
Ma non è stato così. E non è una mia isolata valutazione. Continuamente ricevo in segreteria, o ascolto per telefono, o incontro nei vari ambulatori e ospedali, colleghi che mi dicono che sono stanchi di come è organizzato il loro lavoro, della protervia di alcuni dirigenti e della disparità di trattamento con altre categorie.
Ci siamo detti ancora uno sforzo, consapevoli di come lo sciopero sia un atto estremo, lontano dalla nostra cultura e sensibilità di Medici; ma di fronte a tanta sordità lo abbiamo proposto all’Assemblea e l’Assemblea unanimemente ha detto sì, anche se ognuno di noi sa bene che scioperare, a parte tutto lo scombino che porta nella nostra quotidianità e nei nostri impegni verso i pazienti a cui siamo legati in modo non formale, rappresenta anche la perdita di una giornata di paga ed è cosa ancora più dolorosa con i tempi che viviamo.
Ma il dado è tratto! È necessario che dopo le proposte e proteste che hanno lasciato i nostri interlocutori indifferenti essi tocchino con mano la nostra esasperazione, la nostra indignazione, la nostra collera.
Dunque tutti compatti scioperiamo per 24 ore, per l’intera giornata, il 2 febbraio.
Compatti perché ci conteranno. Compatti come gli operai di una volta, visto che la controparte si comporta come i vecchi padroni.
Proprio in queste ore ho avuto, per non lasciare nulla di intentato, incontri ufficiali ed informali con Prefettura e Regione per cercare di evitare questo sciopero ma sino ad ora l’Azienda, nonostante le sollecitazioni ricevute, è rimasta immobile.
Aspettiamo ancora qualche giorno ma se sarà necessario che nessuno si tiri indietro, nessuno chieda ferie, aggiornamento o malattie, perché, se così fosse, questa sarebbe l’umiliazione della categoria e per trenta denari la fine della nostra comune credibilità. 
 
Il Segretario Provinciale
    Gabriele Peperoni

Condividi su: Facebook | Twitter

›› Bacheca SUMAI Napoli

COMUNICATO

Data di pubblicazione: Oggi alle 10:24

Lettera al Presidente della Regione Campania

Data di pubblicazione: Ieri alle 20:06

COMUNICATO

Data di pubblicazione: 26/02/2020 17:38

COMUNICATO

Data di pubblicazione: 22/02/2020 17:59

›› News Mediche

Coronavirus: Allarme Sumai

Data di pubblicazione: 25/02/2020 14:14

Coronavirus. Mattarella firma il decreto legge.

Data di pubblicazione: 23/02/2020 22:33

Milleproroghe: misure introdotte in sanità.

Data di pubblicazione: 14/02/2020 15:23

Finalmente l'Acn è arrivato alla Stato-Regioni!

Data di pubblicazione: 04/02/2020 10:09

›› Convegni e Congressi

CONVEGNO

Sede: Culture Hotel Villa Capodimonte Salita Moiariello,
Data: 06/03/2020 al 07/03/2020

HPV: STATE OF ART

Corso di aggiornamento ECM

Sede: Auditorium dell'Ordine dei Medici di Napoli
Data: 25/03/2020

Cecità di Genere: Revolution

CONVEGNO

Sede: Sede SUMAI Napoli Via G.. Silvati 32
Data: 02/03/2020

SPIRITUALITA', GUARIGIONE E CONTESTI DI CURA

›› Mondo Medicina

Isolato nel Dna di una donna il gene anti Alzheimer

Data di pubblicazione: 10/11/2019 13:21

Morbo di Alzheimer: antipsicotici incrementano morbidità

Data di pubblicazione: 16/10/2019 18:19

Arriva il farmaco 'jolly' efficace su 29 tipi di tumore

Data di pubblicazione: 28/09/2019 15:55
Logo Fb